apesufiore(f) (1)

Di mondi paralleli una collana

d’ipotesi e d’antiche convinazioni

In infiniti spazi senza tempo

l’incomprensibile irride la ragione

I nostri morti tornano …

son qui con noi da sempre

a raccontar la notte

ri-promettendo il giorno

Con l’arroganza della nostra scienza

che infine s’inchina alla creazione.

L’imponderabile ci gioca nel cervello

ridondandosi intorno come se fosse luce.

Il caso gioca, ancora, le sue carte

e mette il Pazzo assieme all’Impiccato

mentre Straripamento accorre su sei righe

Il Ricettivo brilla dentro al suo vuoto interno

e là il Creativo aspetta

con le sue linee dure

ri-raccontando al mondo

d’una antica fiaba, una leggenda

Ed il poeta va

a caccia di unicorni e di emozioni

mentre il musico vi accede per diritto

come il maestro … lui, dell’astrazione

Sopra un moscone vola

e non dovrebbe, ma lui, però, non sa

e lo continua a fare

temporale(f)

Di conoscenza scivolano a dense gocce

sopra vetuste corazze fatte di supponenza

di un’antica superbia che guardandosi

dentro allo specchio, ride di sè

forse piangendo … e lentamente muore

sfiorendo, accartocciandosi … senza nessun rumore

Cercando il senso e il limite, trovandovi l’insipienza

d’inutili e d’ingenue … di stupide parole

di frasi dette e scritte …

che non lasciano alcun segno

Son scritte sulla sabbia e dentro l’acqua

di tempo perso, speso a riempire il giorno

dell’incapacità del presentare

Cose non lette … come non esistessero

Ed ancora resti lì a cercarne il senso

dove non serve più … la conseguenza inutile

Di regole e vecchie cattedre

che s’ascoltano fra loro … compiacendosi

che hanno serrato l’arte in una scatola

Che quel che resta è noia … diletto e gioco

inutile linguaggio da dozzina

e la ripetizione, i vecchi schemi

romanticismi inutili

dove non c’è più tempo …dove non c’è più spazio

non per tutti

linguaggi da iniziati

o li conosci o muori

metriche e variazioni

che superan le parole

ed anche dei contenuti fan giustizia

sino a divenire di per se stessi il senso

Perchè in fondo del dire

s’è già detto, di quasi tutto

Con questo me ne vado

nel posto che mi spetta

fra quelli che non contano

sì proprio là … da dove son venuto

l

20150328_142247 (1f)scritto a quattro mani da Rosa Bruno e Giandiego Marigo

Questo mondo (il sistema che lo sostiene e lo impregna), divide … arbitrariamente, artificio-samente. Ha bisogno di farlo per reggersi in piedi, per giustificarsi e collocare il potere dalla parte della ragione.

Divide fra bianco e nero, fra buono e cattivo, fra sano ed insano, fra normale ed anormale… fra torto e ragione.

Questa divisione è arbitraria, non oggettiva, non può esserlo perchè le cose sono… così come sono, vanno così come vanno e l’uomo ne è parte non creatore, sebbene il libero arbitrio gli permetta di decidere sul come attraversarle, ma esse avvengono, senza necessariamente una connotazione, senza un colore. Le responsabilità il più delle volte sono collettive o peggio mosse dai pochi per il dominio dei molti. Ciò nonostante il karma ed il destino hanno il dominio degli avvenimenti… al di là delle malevolenze e delle cattiverie.

Facciamo così, dividendo e catalogando, persino con l’immanente ed il divino ed allora per un Padre Benevolo e bianco barbuto o per un Dio degli Eserciti, onnipotente e severo, dobbiamo contrapporre forzatamente un Belzebù, un Satana, malizioso e malevolo, crudele e tentatore personalizzando, umanizzando, abbassando al nostro livello ciò che ci sovrasta.

Abbiamo assolutamente bisogno che qualcuno abbia torto per poter avere ragione, per dire a noi stessi che siamo nel giusto, che il nostro è il migliore dei mondi. Certo pecchiamo, sbagliamo e cadiamo, siamo umani, ma siamo dalla parte del bello del buono e del santo… e ci pentiamo… e ci perdoniamo.

Tutta la sovrastruttura sociale è costruita affinché ci sia qualcuno che faccia la parte del cattivo, del babau, del pazzo, del criminale, del folle… lavandoci così la coscienza ed esimendoci dalle responsabilità ed abbiamo un criterio del tutto opinabile nel decidere chi sia il Mostro di Turno, un criterio strano per il quale lo sterminio perpetrato da Adolf Hitler e dal nazismo, di 6/7 milioni di persone (per carità terribile ed infame) è deprecabile, orrendo… terrificante ed inumano, mentre lo sterminio metodico di 230 milioni di nativi americani è giustificabile, storicamente inevitabile, l’eliminazione e l’oppressione quotidiana, calcolata e centellinata del popolo palestinese, addirittura normale. L’eliminazione fisica del popolo kurdo, non segnalata, dimenticata, omessa… un bambino siriano vale molto, molto meno di uno occidentale e bianco.

La nostra moralità pone dalla parte del torto chi meglio ci comoda e soprattutto quando questo ‘fa gioco’ al potere o a chi racconta la storia (che poi sono la medesima fonte).

Quanti roghi, quante forche improvvisate… quante lapidazioni o esecuzioni sommarie in nome della Ragione e del Torto? Quanti pubblici processi, quante gogne?

Quanto pensiero omesso, marginalizzato, non narrato in nome della normalità, del buon-pensiero, della lotta contro l’anormale, il folle, il blasfemo, l’eretico.

Quanta civiltà buttata, non pervenuta, dimenticata e proibita in nome di quello che è buono e di quello che è cattivo… di quello che è giusto o sbagliato.

Abbiamo inventato leggi umane e divine per giustificare le nostre dicotomie… abbiamo riempito libri attribuendoli all’ispirazione quando non addirittura alla dettatura diretta del ‘divino in persona’.

Va detto per amor di verità e di chiarezza, che qui nessuno aspira ad una società immorale o senza freni… esistono, per carità, convenzioni ed Accordi fra Uomini che permettono la convivenza, esiste il bisogno spirituale, esiste quel che è naturale e quello che non lo è. Così come esiste l’oscurità e la luce, ma tutto è parte del medesimo ‘Universo’.

Sono aspetti della stessa fonte che è quello che ci circonda e ci sovrasta, ma l’umanità ha bisogno di avere una rotaia sulla quale scorrere, un indirizzo e magari anche qualche direttore che bacchetti sulle mani chi non sta al gioco, ma soprattutto ha bisogno di giudicare, di condannare, di umiliare…  di punire.

Ha bisogno di sapere che chi non si adatta, non si uniforma alla norma verrà duramente perseguito, possibilmente ammazzato.

Questo è quanto e questo siamo noi, tutti, chi più chi meno, nel nostro faticoso cammino verso l’illuminazione e la tolleranza, verso la compassione e la condivisione, che pure ci apparterrebbero per nostra natura ma che neghiamo, risolutamente. Perchè l’affermarli ci creerebbe un problema serissimo con le impalcature e le sovrastrutture che ci siamo, nei secoli, costruiti attorno; ci creerebbero problemi con la gestione compulsiva dei nostri sensi ci colpa, che sono il pane farlocco ed avvelenato -ma quotidiano- di cui il potere ha insegnato alle nostre anime a nutrirsi.

Sedersi con il torto

Cercammo davvero

qualcuno, disposto a sedersi,

a vedere se stesso

dalla parte del torto.

Non solo a parole, non vuote canzoni,

non storie né fiabe.

Trovammo sepolcri imbiancati

Studenti, avvocati,

mercanti ed attori

Due guitti da strada.

Trovammo i togati…e gli imparruccati

cercando qualcuno disposto sedersi

laddove scottava.

Trovammo i censori … ed i preti,

con quattro esorcisti e due inquisitori

Trovammo le piazze gremite

vestite alla festa, la messa e l’aperitivo

Trovammo sapienti…icone e santini.

Veline, Anchorman…bandiere e fanfare.

Trovammo nei confessionali le file di gente

già pronte a pagare il pedaggio…

un pater, tre ave…un lauto compenso.

Indulgenza plenaria

Castelli di carte ed il vuoto racconto.

Trovammo il pensiero comune,

la gente perbene…ragazzi e ragazze

e vestiti firmati…la danza

oggi è un minuetto, domani il foxtrot

E il torto…in un angolo scuro, sedette da solo

 

oca

C’è chi parla d’amore

con il sole, il mare …

con la luna e con le stelle

del calar della sera

o anche  dell’aria

dopo d’un temporale.

C’è chi narra l’eroe

del burrascoso oceano

le trepidanti vele ed il maestrale

chi dell’insigne trapassato

l’imperatore morto.

Prigionieri di se stessi e del già detto

si modulan frasi fatte

vecchi concetti … la mamma

che fa rima con l’amore

più sei banale e più guadagni soldi

Son pochi e grandi quelli che

hanno parlato dei loro popoli …

delle rivoluzioni, delle speranze

e dei bisogni veri

Ma l’han già detto

ed anche di quello alfin

s’è già molto cantato

Che resta a noi poeti da strapazzo

che resta a noi se non ripetizione?

Parlar dell’uomo … forse

dello spirito e l’anima

ma l’han già fatto tutti

chi palesando e chi senza parere

Che cosa resta a noi? Se non il gioco

o la metafora o le nuove parole.

Che resta a noi se non ripetizione?

Eppure ogni canzone è nuova

se è ben venduta

ed ogni cosa detta è un’altra cosa.

Ed anche se cerchi il nuovo

finisci con il dire quello che già

al tempo suo qualcuno aveva detto

eppure i grandi son grandi e noi

siamo poeti stradaioli

qialcosa vorrà dire pure questo

 

il sole

C’è qualcosa più in là! Non v’è alcun dubbio

l’umanità non può…finire in questa pozza

di sangue e vomito … di rabbia e nausea

Ci dev’essere qualche cosa più in là

o sopra o sotto, anche di fianco sai …

purchè sia lì per consolarci il cuore

ed anche un poco per conservarci l’anima

E non ci importa di dargli un nome ed uncolore

Non ci interessa che abbia una bandiera

Basta che sia qualcosa

per cui valga la pena, che abbia senso

che possa riempire i nostri cuori …

anche per poco, Sì! Anche per sempre

e non solo di odio e di rancore

Qualche cosa che stia più in là

di questi muri … di queste foreste d’antenne

del filo vostro fatto di spine e di cancelli

Qualche cosa che sia dell’uomo e dell’universo

Condiviso ed unito

Diverso ed uguale

Sicuramente c’è io l’ho sentito

dentro di me, mi parla tutti i giorni

eppure … io diverso ed io eguale

e in fondo sempre io … che cosa vale?

Anche soltanto un sogno, una chimera

datemi qualche cosa

che non sia codesta merda e il fumo suo

In questo mondo uguale in ogni giorno

In quest’umanità così confusa … e crudele

In quest’egoismo … In questa competizione

Che gara triste sì, che triste gara…

non c’è premio alla fine

non c’è medaglia …

perchè là dove si deve

alla fine sai si arriva nudi

eppur ve l’ho già detto … ed io lo so

e solo il tuo percorso ha qualche peso ..

se non altro per te

per fare in modo d’addormentarti in pace

 

sullepietref

Intorno c’è il Grande Nulla

giocando con l’intelletto

svuotando il senso ed il fine

privandoci d’ogni motivo

ci affascina con il suono

il canto delle sirene

ci fotte con il colore

col gioco di mille luci

Ci prende per ignoranza

glorificandone il nome

É il vuoto della coscienza

ed è il silenzio dell’anima

il culto dell’apparenza

la vuota forma e l’aspetto

Siamo firmati noi …però … siamo eleganti.

Siam qui schiavi del vuoto

ci contano … come bestiame

non siamo più la gente

siam solo una moltitudine

numeri da statistiche

non più persone noi

ma centri per il consumo

svuotati anche nell’anima

noi … pronti per il macello

che siam felici d’essere

parte di sto sistema.

È nostro il Miglior Mondo

qui vige l’abbondanza

che importa se dietro agli angoli

la morte si fa padrona …

Vediamo la superficie

quello ci fan guardare

Noi siamo molto contenti

d’essere quello che siamo

ci han tolto cuore ed anima

svenduti per poco prezzo

e noi glieli abbiam venduti

per una lenticchia al pezzo

camoilla(f)

Anime sparse … camminano

riempiendo il largo … invadendo lo stretto

scorrendo su strade e piazze … alla ricerca

di quella luce che s’inventarono

per ritrovar la strada quand’erano lontane

D’antichi libri e polvere e vecchie parole

sempre le stesse … con le medesime storie

sempre quelle.

C’illusero d’essere unici

ci fecero individui originali.

Noi che eravamo branco

ci ritrovammo soli

e ci dissero … inimitabilmente unici

e ci narrarono la medesima favola

uguale per tutti … ma uno ad uno.

ad ognuno convincendo d’essere il solo

l’unico che l’ascoltasse … ed il migliore

e ci divisero per stabilir per sempre

chi fosse il più forte … chi avesse il potere

ed ora vaghiamo cercando soluzioni

dimentichi d’essere noi, prigionieri dell’Io

anime sperse che cercano un posto

un luogo … una magione avita dove poter sostare

noi che potremmo, noi che siamo nel tutto

noi che siamo parte d’un infinito amore

noi che dimentichiamo … noi che ignoriamo

noi che ci siam perduti …

e loro che ci han guadagnato

rosa

Non voglio dirti più “ti voglio bene”

chè le parole s’ammucchiano

in pile inutili fatte solo di nulla

Sino a perdere il senso …

Sino ad odorar di vecchio

Tu m’hai insegnato a non ripetere

inutilmente

quel che si vede e che si vive …

quel che è vero ha una sua propria luce

e brilla

Non raccontare quello che puoi toccare

non descrivere di quel che c’è …

senza bisogno

quello che t’accompagna nel cammino

ch’è solo tuo

ma è anche quel che di te si vede

Non ti dirò allora che ti amo …

ancora e sempre

te lo farò vedere

perchè parlar d’amore

se si può essere e viverlo

La poesia descrive

solo quello che l’anima

può rappresentare

non inventa

parla di te della tua vita intera

quello ch’è divenire e quel che hai

nella tua vecchia borsa …

quella che ti porti da sempre sulle spalle

papaveri f (1)

Abbiamo sognato … inutilmente

un mondo senza confini

Per scoprir dopo dentro noi …invalicabili

frontiere, muri e guardiole… sentieri di filo spinato

Nell’anima nostra d’uomini chiusi in scatola

cervello e cuore ed anima son li per difendere il possesso

per cimentarci eternamente in quella gara inutile

del gioco più forte e del più furbo

superbi e tronfi del nostro grande nulla

Quello che viaggia oggi senza pagare dazio

è Il Dio Denaro … L’unica cosa che conti

giocar con il potere ed inventar monete

Qui si svendono sogni e speranze

mettendo all’asta persino propria anima

Siamo noi quelli quotati sul mercato

.. spendibili in borsa è la finanza dell’immaginazione

ma solo loro è fantasia e quel che vale altra non pesa …

è solo un’illusione oppur follia … stato di malattia

I numeri veri son quelli del potere

Ogni altro racconto è un’invenzione …

speculazione priva di costrutto

Quello che conta veramente è il loro mondo

la loro descrizione, noi siamo accadimenti

numeri d’una statistica

danni collaterali al massimo

nel nostro cielo campeggia il loro sole

cerchiamo il sogno dentro noi

ch’è ancora vivo … e insieme a lui troveremo ribellione

mulinoepapaveri f

Da qualche parte piove sempre

il 25 Aprile

che siano lacrime versate su quei morti?

Sul loro sacrificio

per quel futuro che non fu

Per quello che non si fece

per quello che si dice … oggi

nascondendo anche a sé stessi

il vecchio orbace?

Piove e ci bagna

ma ogni anno siam qui

sommersi dalla retorica

delle camicie bianche inamidate

per ricordare

quel che non è solo memoria

ma ch’era impegno

Per riparlare di ciò che noi

oggi

non rifaremmo mai

Insieme a quelli che l’orbace

lo nascosero davvero

travestendosi al meglio

continuando semplicemente a comandare

o ai loro figli vestiti della festa

cresciuti a quella scuola

Fascismo dell’anima

il più insidioso e triste.

È quello che ci avvolge nelle case

dalle televisioni

da quei valori incerti e titubanti

dal non sapere che parte siamo

e su che sponda stiamo

Partigiani del nulla

siamo la zona grigia

voliamo sopra

né destra né sinistra

e l’egoismo corrode i nostri cuori

la nostra porta è chiusa

ed il possesso e la competizione

D’altra parte piove sempre

il 25 Aprile

forse qualcuno piange quel che siamo

Free Image Hosting at www.ImageShack.us
"CONTRO IL GOVERNO
DELLA VERGOGNA,
per il rilancio
della sovranità popolare"
su Facebook

Licenza Creative Commons
Voce d'anima by giandiego marigo is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License.
Based on a work at giandiego.wordpress.com.
Permissions beyond the scope of this license may be available at https://giandiego.wordpress.com/.

paperblog

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Segui assieme ad altri 2.393 follower