lavoro_precario1-680x365

Sono stanco Signore di non aver speranza

del peso assurdo di questo eterno camminare

Padre ho la malattia del non contare

son stanco di cambiare

Liberami Signore da questa stanchezza

e fammi grazia di un poco di certezza

Donami capacità di immaginare anche un domani

Fammi dono ti prego di una possibilità

Fai che i miei giorni si possano contare

 in anni, padre non più in mesi…

Liberami dalle agenzie interinali

e dal tempo determinato.

Dammi dell’immaginazione il tempo lungo

quel che mio padre chiamava sicurezza

l’estraneo senso del potersi impegnare

Liberami Padre da questa rabbia…

da questa frustrazione

Dal dolore continuo della ricerca.

Dalla certezza che poi sarà per poco

son stanco padre…di fare il trimestrale.

Proteggimi dai tempi di crisi…

dalle contrazioni del mercato 

Fai che anch’io conosca l’ebbrezza

dell’acquisto rateale,

del firmare una cambiale

fai ch’io possa accendere un mutuo.

Proteggimi dal mostro dell’emigrazione

Tu mi conosci Signore dammi grazia

fai ch’io mi senta  nuovamente uomo

 

Annunci