Che mondo lasceremo ai nostri figli?”

Quante volte ho sentito questa frase ripetuta

da padri preoccupati

che non facevan nulla per migliorar sé stessi

o il mondo a loro attorno

troppo spesso!

A noi hanno lasciato le macerie”

dice mia madre

fame, miseria e trincee gonfie di sangue

retorica soccombe per la nausea

se ancora sentirò questo rimbrotto

che mondo lasceremo ai nostri figli?”

Fate qualcosa,

provatevi a cambiare

Dentro di voi, per poi cambiar l’attorno

Perché rivoluzione parte…sì…

da dentro al cuore

Dalle coscienze nostre

Che mondo lasceremo ai nostri figli”

Sarà sempre lo stesso? Credo di no

almeno per stavolta

Temo

Con meno ossigeno ed un buco nell’ozono

Però saremo noi ad essere uguali

Sempre, purtroppo, uguali

Sino alla morte per noia o per consumazione

Non ci sarà nessun bisogno, però,che il mondo cambi

Noi ci accartocceremo su noi stessi.

Malati di retorica.

Parliam per frasi fatte

Ripetendo noi stessi…

all’infinito

È morta fantasia!

Questo è il problema

Al posto suo ora c’è un telefonino

Che suona sempre ed ha mille funzioni

Ma che in realtà non contatta più nessuno

Noi siam multimediali…collegati…

ed anche interconnessi…

Ma siam sempre più soli

Che mondo lasceremo ai nostri figli?”

Sarà di certo il loro

Ed a quel punto non potran più farci niente

Se non odiarci,

per poi cambiarlo per quel che li riguarda

Speriamo in meglio

Così avremmo potuto e non abbiamo fatto…noi

Troppo occupati

Pianger passato e concepir futuro

Noi non ci preoccupammo del presente

Noi non facemmo niente

Speriamo che non sia così per sempre

Annunci