Ballando sopra al baratro

stolti, superbi e assenti

incauti perigliosi e dell’intorno silenti

E’ il ballo dei dementi nel convegno dei pazzi

Torre di Babele confine della sapienza

sordi, ritardati, scatole d’incoerenza

tutti parliamo assieme

smuovendo solo l’aria

pulpiti d’ignoranza  ed altri pensan per noi

imboccandoci la vita ci insegnano la strada

giocandoci la partita

silenzio cerebrale, mozziconi di pensiero

non serve per ballare conoscere la canzone

come buratti danzano sull’orlo della vita

un piede posto è  in fallo!

Dentro allo stesso nulla

senza guardarci attorno! La mente ottenebrata

accompagnati all’ara bestie sacrificali

applaudendosi il  sangue santificano l’assassino

vuoto della coscienza, anime silenziate

un cristallo scompone il senso delle cose

rimandandoci musica e forse anche un messaggio

in una bottiglia vuota d’un mare senza approdo.

La marionetta danza e danza il burattino

cadono le città crollando sulle mura

interi imperi crollano e muoion gli imperatori

solo il sapiente osserva dall’orlo di conoscenza

Annunci