Chi lo ha detto mai

che un poeta non debba esser capito

Usar parole come strani linguaggi

Compresi solo con le opportune chiavi

Esser crittografo a sé stesso

un auto-nterperte

La parola è vita, comprensione

Amore

Come un bell’oggetto che va bene trattato

è cibo…ed è per tutti.

É la poesia!

Pane per l’anima

vino per la mente

Ti aiuta a crescere…forse soffrendo

un poco

Per ricordar chi sei

da dove vieni

da che parte poi ti stia recando

La poeta in fondo..sì è un giocoliere

metter lui sa parole

L’una sull’altra

farle cantare scivolando

gocciolando…scorrere come l’acqua

dense, dolci o rabbiose

profumo e senso

dolci di fiori e miele

acri d’aceto…

Questo è un poeta

funambolo artigiano

guitto, buffone e santo

Annunci