Tutti pretendono che altri portino l’acqua

mentre nelle mani raccolte trattengono il bicchiere.

Che siano bianchi, che siano viola o rossi

danno ad altri la carta !

Approprianodosi per sè della scrittura.

Molti tiran morali, molti hanno filosofie

ma le gambe ed il cammino

le lasciamo sempre, là, fuori dal conto.

Come il sudore il sangue ed il lavoro.

Per noi vogliamo in genere il pensiero,

non la fatica!

Cosa diverso in questo?

In ogni giorno che passa cosa diverso?

Tutti pensan di sé d’essere generali.

Tutti s’affollano al ponte di comando

nessuno al remo, nessuno sulle vele.

Abbiamo scuole per qualsiasi sogno

nulla più da inventare tutto previsto.

Delle bandiere, poi, nessuno fa il bastone

tutti che esigono d’essere loro il vento.

Perchè cambiare è facile, però solo da dire

Tu non lo puoi cantare, chè la canzone inganna

mentre nel cambiamento sta sempre verità

non interessa a lui, di metrica e di rime

e di parole finte fatte per starci dentro

Lui fa della sorpresa il vero suo spettacolo!

Impariamo l’ umiltà pagando con la vita

dismettere illusione per vivere verità

Qui! Ora ! l’adesso è fra le nostre mani

Annunci