Io lascio a voi il pragmatismo, il romanzo verista, la logica stringente. Vi lascio la deduzione coerente e l’emendamento. Tenetevi il potere, la forza delle armi, la vostra selezione, la meritocrazia, la prevalenza del migliore e dell’adatto. Appropiatevi pure di tutto il palazzo. Vi concedo la razionalità ed il calcolo. Vostro l’illuminismo e la rivoluzione francese. Vi lascio il senso pratico, l’oggettività,  jl migliore dei mondi….la crescita. Lascio volentieri la vostra finanza, il senso che voi date alle cose , vi lascio moralismi e regole e vi regalo il PIL con cui distruggeste il mondo. Porto con me, rifugiandomi nella lucida follia, soltanto l’utopia, l’amore, il sogno e l’anarchia ed è con questi sassi che distruggerò il vostro castello

con grande affetto Giandiego

Annunci