nuvole

 Quel ch’è per me,

che è quello che io faccio

la mia espressione

ed anche il mio racconto.

Quel che di me rivelo

ed anche tutto quello

ch’io non dico.

Delle segrete fiabe,

dell’interno

che non si può svelare

dell’iraconda rabbia

che si denuda

e che si espone

ehe poi divien parola

Così come la calma ed il silenzio,

la conoscenza antica e la sapienza

dell’anima, del cuore

di quel che si può esprimere a parole

di quel che non è scritto,

che il tratto della penna non sorregge

che si rivela dietro e dentro.

Della confusa e rapida immanenza.

Dell’assenza di peso,

dell’essere solo

ed essere anche insieme.

Di tutto questo e d’altro,

di quel che parlo e dico

di quello che io tengo dentro al cuore

di Conoscenza

e della mia ignoranza

della stupidità dell’uomo

e della mia

Annunci