derain_arlecchino_pierrot

Sono stanco, e molto, della Sinistra Cinica

di quelli che l’uomo, sai, non può cambiare sua natura,

l’essere umano è bestia

che dobbiamo fare i conti, noi, con la realtà

Quelli del pragmatismo, del gioco del fiammifero

Sono stanco della Sinistra del Caviale

quelli che nei salotti, quelli con quattro lauree

quelli che sanno tutto, fra una tartina e l’altra

Sono stanco di chi non cambia nulla

di chi persevera. perdonandosi da solo

concedendosi il lusso, incollato al potere

servo della norma, perbene. ultimo baluardo

Accettando del sistema quel che conviene

Sono stanco … e forse sono diverso io

sono alienato, senza rimedio e cura

perchè non mi conformo

perchè non danzo a ritmo insieme a loro

perchè mi sento male del loro nullismo

del mio, l’ininfluenza, l’assoluta impotenza

non riesco a fare finta, no!  Non ce la faccio

io non ci riesco più, sono invecchiato

Son fuori dal sistema … Son pezzente

Sì! Come la canaglia di cui si cantava

Son fra i perduti, fra coloro a cui rinunci

senza rappresentanza, dati statistitci

Sono stanco di chi, dice dell’ultimo,

non conoscendo affatto povertà …

senza capirla, da un’altra prospettiva

Stanco ed intristito del vedere

quel mondo nuovo che resta solo mio

mentre loro lo chiamano illusione,

stanco d’essere illuso un sognatore …

Stanco di voi, signori

burattini grotteschi travestiti da arlecchino

Stanco di questa lunga lamentela

stanco di me che ancora sto a guardarvi

nei vostri minuetti e riverenze … ad ogni ricorrenza

Stanco! E sento il peso

di questo sistema, che anche voi

mi avete calato sulle spalle

Annunci