memorie-migranti

Costruttori di muri cercan gloria

son giorni, questi, adatti proprio a loro

artisti del design con filo e spina

anime grette, inventori di confini

son tempi duri, giorni d’intolleranza

racconti disperati d’acqua salata e sangue

Ciò che guastammo ieri

or bussa alla nostra porta

noi altri instupiditi … incattiviti e tristi

noi non sappiamo aprire

noi non abbiam più cuore

noi non abbiam memoria

chiusi d’aridità, siamo così

campioni d’egoismo

schiavi dei venditori di menzogna

d’odio e di cattiveria, stupidità e stoltezza

noi siam testimonianza e monumento

ascoltiamo osannandoli

i mestatori d’odio

profeti della sventura

d’arroganza e superbia

convinti d’esser nel giusto

dì aver persin diritto

d’un Cristo, il nostro

chiamato solo se conviene

noi non chiediam perdono,

noi non lo meritiamo

convinti come siamo di aver più che ragione

giorno verrà, per tutti

d’aver davanti un uscio e di bussare

ci renderanno allora quello che avremo dato?

Se c’è giustizia … o anche solo l’equilibrio

Annunci