mulinoepapaveri f

Da qualche parte piove sempre

il 25 Aprile

che siano lacrime versate su quei morti?

Sul loro sacrificio

per quel futuro che non fu

Per quello che non si fece

per quello che si dice … oggi

nascondendo anche a sé stessi

il vecchio orbace?

Piove e ci bagna

ma ogni anno siam qui

sommersi dalla retorica

delle camicie bianche inamidate

per ricordare

quel che non è solo memoria

ma ch’era impegno

Per riparlare di ciò che noi

oggi

non rifaremmo mai

Insieme a quelli che l’orbace

lo nascosero davvero

travestendosi al meglio

continuando semplicemente a comandare

o ai loro figli vestiti della festa

cresciuti a quella scuola

Fascismo dell’anima

il più insidioso e triste.

È quello che ci avvolge nelle case

dalle televisioni

da quei valori incerti e titubanti

dal non sapere che parte siamo

e su che sponda stiamo

Partigiani del nulla

siamo la zona grigia

voliamo sopra

né destra né sinistra

e l’egoismo corrode i nostri cuori

la nostra porta è chiusa

ed il possesso e la competizione

D’altra parte piove sempre

il 25 Aprile

forse qualcuno piange quel che siamo

Annunci