You are currently browsing the category archive for the ‘dell’amore e della vita’ category.


madreDel calore del magma …della voce del vento

del sospiro sospeso e il rumore stranito d’una grande foresta

della terra e del seme e del tempo che passa

Nell’andare e venire del mare

Nella furia mortale dell’onda

nella rabbia improvvisa del cielo

Nelle nuvole gonfie di pioggia

o sbiancati ciuffetti in un ala di brezza.

È la madre, è la Dea

Non può esserci solo il maschile

La vita che scorre, un bimbo che nasce

nel seme interrato che cresce

nel sesso e l’amore donato … desiderio e pienezza

Un racconto narrato da voci di donna

non scritto d’antica saggezza compiuta negli atti

Un esempio che è vita … una vita ad esempio

(La scultura raffigurata è di Francesco Uccheddu)

io

 

Quello che posso … che voglio augurare

è che l’onda vi colga cambiando insieme a voi

l’intorno e il dentro

perché nulla si muta quando l’anima tace

Vi sia propizio il passo e che s’impari

sì dal bello ed il brutto così come il difficile

che è comunque sempre quel che ci tocca

che in ogni passo fatto noi cresciamo

Che lo spirito vostro cerchi gioia

guardi passando e nel frattempo viva

Quel che vi voglio dire è Buona Vita

che dell’augurio rituale da me farete senza

Quel di cui sto scrivendo è un’altro anno

qui, sulla porta e lo vivremo insieme

cercando sempre il nuovo … il bello ed il civile

si che l’umanità s’appresti a un altro passo

resistenzaf

Non bastan chiacchere e sogni

Non bastano parole ed i ricordi

Non servono d’ipocrisia equilibri

Nè le canzoni d’un falso cambiamento

Non basta descrizione d’anime vuote

e comode magioni ed ottimi pasti

Nè stanchi portatori d’intelletto

e spacciatori di pensiero autorizzato.

Non servon cantori d’altri mondi

fatti di carta dorata e di speculazione

che poi sono gli stessi

che sempre rivedemmo attorno a noi

No! Non bastano davvero le illusioni

ed i racconti ben tenuti

ed infinitamente accarezzati dal potere

Non basta un guitto travestito da ribelle

Nè i camerieri fedeli del potere

L’inganno naviga e ci fluttua attorno 

con la sua musica ci avvolge e ci cogliona

facendo di noi quello che siamo

Si rompa la cortina

Si affronti il mostro

Di consapevolezza han fatto incetta

la svendono in confezione propaganda

Se l’anima tace … più nulla è sufficiente

tutto diviene delusione e inganno

Ascoltare il silenzio è buona cosa

che coglierne il respiro fa imparare.

Ed imparar si deve, che cambiamento è vita

ch’è quotidiana scelta e non retorica

Che modificazione sta nel comportamento

d’umanità che sta fronte a se stessa

Da quei rapporti d’ogni giorno

e dal potere che vi passa dentro

dalla corsa che non fai

dallo schiaffo che non dai

dal tuo rifiuto al compulsivo consumare

da quella volontà d’essere vero e di pensare

ovale

Dico quel che dico perchè scelsi … un giorno

d’essere quello che sono … esattamente

Ed ora e qui vi parlo e mentre penso … scrivo

di quel che è sogno che è anche quel ch’io credo

Lo costruii nel tempo con il passar degli anni

lento e fatale scorrere di questi miei minuti

scoprendone il racconto passo a passo

giorno per giorno che ancor non ho finito

goccia su goccia non smetto d’imparare

non è concesso il fermarsi in questa vita

Lo stupore e il canto ed il terrore

con la paura e insieme lo sconforto

d’ogni risvolto io bevo

comunque e sempre avvolto

che sia chiaro od oscuro … che sia gioia o dolore

Son qui scrivendo cercando la saggezza

e non m’accorgo quand’essa passa accanto

perchè come quei molti che sempre un po’derido

Io sono cieco e stolto supponendomi poeta

Io che non compaio che non son letto

che nessuno ambisce a pubblicare

Pensando a questi anni e al loro segno

Dotti e sapienti certo non cercan me

e le parole volano e si perdono

inutilmente scritte pensate per il nulla

apesufiore(f) (1)

Di mondi paralleli una collana

d’ipotesi e d’antiche convinazioni

In infiniti spazi senza tempo

l’incomprensibile irride la ragione

I nostri morti tornano …

son qui con noi da sempre

a raccontar la notte

ri-promettendo il giorno

Con l’arroganza della nostra scienza

che infine s’inchina alla creazione.

L’imponderabile ci gioca nel cervello

ridondandosi intorno come se fosse luce.

Il caso gioca, ancora, le sue carte

e mette il Pazzo assieme all’Impiccato

mentre Straripamento accorre su sei righe

Il Ricettivo brilla dentro al suo vuoto interno

e là il Creativo aspetta

con le sue linee dure

ri-raccontando al mondo

d’una antica fiaba, una leggenda

Ed il poeta va

a caccia di unicorni e di emozioni

mentre il musico vi accede per diritto

come il maestro … lui, dell’astrazione

Sopra un moscone vola

e non dovrebbe, ma lui, però, non sa

e lo continua a fare

 

il sole

C’è qualcosa più in là! Non v’è alcun dubbio

l’umanità non può…finire in questa pozza

di sangue e vomito … di rabbia e nausea

Ci dev’essere qualche cosa più in là

o sopra o sotto, anche di fianco sai …

purchè sia lì per consolarci il cuore

ed anche un poco per conservarci l’anima

E non ci importa di dargli un nome ed uncolore

Non ci interessa che abbia una bandiera

Basta che sia qualcosa

per cui valga la pena, che abbia senso

che possa riempire i nostri cuori …

anche per poco, Sì! Anche per sempre

e non solo di odio e di rancore

Qualche cosa che stia più in là

di questi muri … di queste foreste d’antenne

del filo vostro fatto di spine e di cancelli

Qualche cosa che sia dell’uomo e dell’universo

Condiviso ed unito

Diverso ed uguale

Sicuramente c’è io l’ho sentito

dentro di me, mi parla tutti i giorni

eppure … io diverso ed io eguale

e in fondo sempre io … che cosa vale?

Anche soltanto un sogno, una chimera

datemi qualche cosa

che non sia codesta merda e il fumo suo

In questo mondo uguale in ogni giorno

In quest’umanità così confusa … e crudele

In quest’egoismo … In questa competizione

Che gara triste sì, che triste gara…

non c’è premio alla fine

non c’è medaglia …

perchè là dove si deve

alla fine sai si arriva nudi

eppur ve l’ho già detto … ed io lo so

e solo il tuo percorso ha qualche peso ..

se non altro per te

per fare in modo d’addormentarti in pace

camoilla(f)

Anime sparse … camminano

riempiendo il largo … invadendo lo stretto

scorrendo su strade e piazze … alla ricerca

di quella luce che s’inventarono

per ritrovar la strada quand’erano lontane

D’antichi libri e polvere e vecchie parole

sempre le stesse … con le medesime storie

sempre quelle.

C’illusero d’essere unici

ci fecero individui originali.

Noi che eravamo branco

ci ritrovammo soli

e ci dissero … inimitabilmente unici

e ci narrarono la medesima favola

uguale per tutti … ma uno ad uno.

ad ognuno convincendo d’essere il solo

l’unico che l’ascoltasse … ed il migliore

e ci divisero per stabilir per sempre

chi fosse il più forte … chi avesse il potere

ed ora vaghiamo cercando soluzioni

dimentichi d’essere noi, prigionieri dell’Io

anime sperse che cercano un posto

un luogo … una magione avita dove poter sostare

noi che potremmo, noi che siamo nel tutto

noi che siamo parte d’un infinito amore

noi che dimentichiamo … noi che ignoriamo

noi che ci siam perduti …

e loro che ci han guadagnato

rosa

Non voglio dirti più “ti voglio bene”

chè le parole s’ammucchiano

in pile inutili fatte solo di nulla

Sino a perdere il senso …

Sino ad odorar di vecchio

Tu m’hai insegnato a non ripetere

inutilmente

quel che si vede e che si vive …

quel che è vero ha una sua propria luce

e brilla

Non raccontare quello che puoi toccare

non descrivere di quel che c’è …

senza bisogno

quello che t’accompagna nel cammino

ch’è solo tuo

ma è anche quel che di te si vede

Non ti dirò allora che ti amo …

ancora e sempre

te lo farò vedere

perchè parlar d’amore

se si può essere e viverlo

La poesia descrive

solo quello che l’anima

può rappresentare

non inventa

parla di te della tua vita intera

quello ch’è divenire e quel che hai

nella tua vecchia borsa …

quella che ti porti da sempre sulle spalle

img_archivio12442014195325

Abbiamo perso qualcosa

sulla strada del nostro cammino

Non ci voltammo quando avvenne

compresi com’eravamo nel viaggiare

presi e distratti da gli oggetti incantanti

che tenevamo in mano camminando

Non lo trovammo più … perso per sempre?

Abbiamo perso qualcosa senza accorgerci troppo …

senza badare …

Gocce di umanità …scaglie di compassione

il sentire e l’essere .. quel che ci fece umani …

E divenimmo duri come pietra  e chiusi …

come le vecchie cozze… pieni di sabbia e di rifiuti

bestemmie ambulanti contro noi stessi

e quel che chiamammo Dio

Abbiamo perso qualcosa

In bracci di mare

sui nostri cannoni

nelle competizioni assurde

che definimmo vita

con i nostri paletti

a definir possessi

chiudendo nostra casa e nostro cuore

inseguendo follemente nostra paura

 

poverta-1

Compagna povertà mi ha scelto

non ha chiesto il permesso

per donarmi quel che m’aveva ad insegnare

in principio fu difficile ascoltarla

ma ora la capisco … veramente.

Nulla ho da perdere

nulla più da contare

nulla che mi leghi , niente roba

L’avere … il possedere ti trattiene

legandoti alle cose …. quasi fossero vita

Che porterai con te nel lungo viaggio?

Cosa ti servità … cosa potrà passar da quella porta

che non sia già con te?

Della saggezza hanno parlato in molti

in tutte le nostre lingue, da tutte le religioni

ma poi son lì … collezionando cose.

Son lì a piantar puntelli nella terra

a disegnar confini

ad inventar steccati

Chi non ha nulla ed ancor meno aspetta

chi cerca solo in quel che vede

in quel che gli sta intorno

vivendo pienamente la sua vita

chi vive oggi … ora , adesso e qui

quegli è il gran saggio!

Saggezza non accumula … lei cerca la bellezza

non vuole trattenerla … non la vende

attraversa la vita e vive fuori

non dentro a una fortezza

non costruisce muri

nulla possiede per cui nulla difende

Certo è molto semplice il parlare

nel farsi santi senza dimostrare

d’essere saggi, ma solo nel racconto

Altro è perder tutto … oppur lasciare indietro

restando vivi ed accettando il passo

senza provar rancore… in questo corpo

Altro è la vita… quando ti chiede questo

Come neonati fummo … così come nascemmo

nudi alla morte

Free Image Hosting at www.ImageShack.us
"CONTRO IL GOVERNO
DELLA VERGOGNA,
per il rilancio
della sovranità popolare"
su Facebook

Licenza Creative Commons
Voce d'anima by giandiego marigo is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License.
Based on a work at giandiego.wordpress.com.
Permissions beyond the scope of this license may be available at https://giandiego.wordpress.com/.

paperblog