You are currently browsing the monthly archive for ottobre 2011.

Trema la penna

si ferma anche il cursore

parola più non scivola.

Per chi scrive un poeta

per se stesso?

Ha senso la parola

detta al vento

affidata alla sabbia

oppure scritta

con un’unghia sulla cera

donata alla scrittura

per poi non esser letta

per chi scrive il suo romanzo

lo scrittore, legge e rilegge

perchè poi sia perfetto.

Riscritto, mille e mille volte

inseguendo la parola

cercando senso al senso

come l’albero che cade

laggiù nella foresta

dove non c’è nessuno

fa comunque rumore?

Non è domanda nuova

lo comprendo.

Cosa ti strugge scrivano

perchè bruci quei fogli?

Perchè consumi in quel fuoco

la tua vita…come se fosse

solamente carta 

di Giandiego Marigo

Prima di iniziare questo post devo riconoscere alcune importanti ispirazioni, innanzi tutto ad Eliotropo il blog di Rosa, dove ho potuto ed ancora posso respirare quest’aria e dal quale ho tratto ben più di una ispirazione. Nel caso specifico ad un post scritto da un suo conoscente on line, che ho raggiunto, suo tramite. Mi riferisco ad Ivano Antar Raja ed al suo blog Altra Realtà.
Egli si chiede e ci chiede se gli esseri umani siano pronti per il cambiamento, se davvero lo vogliano e non è affatto una domanda oziosa…anzi.
E’ sempre molto facile parlarne, moltissimi riempiono la rete con questa esigenza e ci intrattengono in varie fogge, spesso sollecitandoci in modo anche poco garbato sulla necessità di farlo qui ora e subito. Rovesciando, rompendo e bruciando se necessario pur di purificare in un’unica fiamma questo mondo capitalistico e malato. Che questo mondo sia da cambiare o vi è alcun dubbio, quindi partiamo da questa premessa
Una domanda mi coglie subito. Quanti fra costoro sarebbero disposti davvero a perdere qualche cosa, fra quelle che questo modello sociale fornisce, per realizzarlo davvero questo cambiamento?
Quanti fra costoro hanno già elaborato comportamenti che si possano definire e considerare altri da questo modello culturale e sistemico? Leggi il seguito di questo post »

di Marigo Gandiego per AreA
Premetto di essere molto d’accordo con Rosa di Eliotropo e con il suo bel post. Il taglio che lei dà alla questione è quello giusto. La conosco bene e so quanto sia aliena dal mettere e tradurre in politichese alcune acquisizioni spirituali, ma questo è necessario…a volte, perchè la politica, che piaccia o meno è esattamente quello di cui stiamo parlando. Tutti sembrano rifuggirla e rinnegarla, si fanno un puto d’onore di non essere dei politici, mentre poi è il campo sul quale si svolge il confronto.
E’ nel campo della politica che si svolgono volenti o nolenti tutti i fenomeni che stiamo analizzando.
Cosa è successo a Roma? Leggi il seguito di questo post »

di Giandiego Marigo per AreA

 Riprendo,  ampliandolo ed attualizzandolo  un vecchio articolo comparso, anche, a suo tempo, sulla gloriosa testata di Popolo viola.org.  non devo, purtroppo farci molto lavoro…perchè,  nel nostro parlamento, davvero molto poco è cambiato

Lo faccio con una buona dose di sconforto e di dolore perchè…sebbene qualche cosa, anzi molto sia cambiato nel paese. Nulla, per contro, sembra esserlo nel palazzo. Dove maggioranza ed opposizione intessono i loro balletti. Con uscite e rientri ed eterni teatrini istituzionali. Lo scrivo con ilammarcodi chi vede sempre di più allontanarsi dalla realtà del paese…coloro che dovrebbero rappresentarla.

Lo dico in tempi non sospetti…Un giorno prima della “Grande Mobilitazione”. Domani dopo la manifestazione di Roma lo diranno tutti, persino alcuni di voi

Quindi sono qui a chiedervelo di nuovo, umilmente. Ormai da troppe, troppe volte. Un gesto forte. Leggi il seguito di questo post »

Di Giandiego Marigo per AreA

Spesso mi chiedo come abbiamo fatto a ridurci così, come un pezzo rock di Vasco o del Liga, giusto per scontentare e fare arrabbiare tutti i fans in modo equanime, ansiosi solamente di essere “sistema”, tutti tesi nel garantire di non essere affatto diversi…per nulla eversivi. Tranquillizzando il potere e disinnescando da soli qualsiasi miccia possa anche solo ricordare una pallida volontà di cambiamento.
Oggi per sentire un discorso diverso dall’assoluta banalità ripetitiva del miglior mondo possibile per tentare una fuga dall’ Unico pensiero bisogna, tristemente, rifugiarsi nella “dietrologia”, nel “veganesimo” oppure ritirarsi…andare in campagna a praticare la decrescita. Possibilmente una comuntà ristetta od ancor meglio soli.
Non provo alcun piacere nel parlare così, non intendo dare lezioni o buttare lì giudizi…solo descrivere la mia tristezza.
Dov’è andata a nascondersi l’alternativa? Leggi il seguito di questo post »

Free Image Hosting at www.ImageShack.us
"CONTRO IL GOVERNO
DELLA VERGOGNA,
per il rilancio
della sovranità popolare"
su Facebook

Licenza Creative Commons
Voce d'anima by giandiego marigo is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License.
Based on a work at giandiego.wordpress.com.
Permissions beyond the scope of this license may be available at https://giandiego.wordpress.com/.

Post più letti

paperblog