You are currently browsing the monthly archive for aprile 2012.

Mentre voi ve ne state lì, tutti impettiti

Camicie e cravatte

Con il suono assurdo delle vostre bande

Con le vostre corone di fiori

RICORDATE

Mentre restate lì e vi parlate…di questi nostri morti

NON VI SCORDATE

Ch’erano giovani…certo i migliori di quegli anni

Ch’erano stanchi di gerarchi e pettoruti fanfaroni

Che avevan pianto e subito e poi pagato

In ogni ora, in ogni giorno, in ogni anno

Di quella loro sofferta gioventù.

Voi, che, in fondo, non ve lo ricordate

Che, poi alla fine, non ambireste a ricordarlo

Mai!

Neanche per sbaglio o per distrazione

Voi che, in fondo, ne avete anche paura

STATENE CERTI; NON ABBIATE MAI A PREOCCUPAZIONE

RICORDEREMO NOI

Ch’erano comunisti…proprio tanti

Che c’erano donne, che c’erano ragazzi

Attori, preti, sacristi e liberali

C’era la gente, un popolo in rivolta

Ch’erano antifascisti…tutti quanti

Che hanno creato, col rapido fulgore

D’anime e cuori

I presupposti perché voi foste qui

Non voi! Né noi…loro lo fecero

Con rabbia, con fede,con l’immensa paura

Con l’infinita pazienza

E con la forza di quei lunghi giorni

LORO LO FECERO

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Vecchio!
Un’altra ora, un giorno
un mese, un anno
sono andati, passati
finiti, compiuti…un altro passo
un’altra parte del racconto.
Più vecchio!
Ad ogni minuto.
Auguri, auguri…Auguri!
Ma è solo tempo
è percezione d’uomo
nulla è accaduto
che già non fosse scritto
con le mie stesse dita
sulla lavagna antica dell’universo.
Giovane, vecchio
bambino, adulto, anziano
sono parole, soltanto convenzioni
non descrivono il tempo
e soprattutto…
non descrivono noi
che siamo eterne scintille
particelle d’infinito

Non cerco un nuovo volto
né l’invenzione di una nuova immagine
Non voglio un nuovo Dio da adorare
sopra ad un nuovo altare
cerco d’essere tempio, immagine e parte
d’essere uno

Non cerco duci e condottieri
né qualcuno che mi imbocchi le mie idee
Non voglio comandanti da seguire
gloriosi eroi bonari da osannare
cerco soltanto amici, fratelli, compagni
su questo mio percorso, il mio cammino

Non cerco Buddha sornioni a cui inchinarmi
né maestri sapienti d’ogni cosa, che indichino l’ora ed il percorso
Non voglio scorciatoie nè soluzioni d’altri
che mi abbrevino la strada alla mia luce
Cerco la luce stessa, la sola che è per me
il Buddha che ho dentro e mi compete

Non cerco le canzoni, le operette, mille finte partenze
né voglio modulare Cambiamento in mille modi
nulla si ferma, nulla è permanente e non si muove
tutto l’intorno muta, anche se il pazzo imperatore lo trattiene
Sono nel cambiamento che m’avvolge
cerco d’essere l’ onda, non di parlarne

Non cerco te, amor mio, anche se sei la vita
né voglio importi amore e vicinanza
questo è possesso e guasta tutto quanto
Persino nei momenti senza luce…che sono stati tanti
quando l’andare insieme era la differenza con la morte
cerco d’essere amore , perché è del mio ch’io so e mi nutro

Null’altro cerco che non sia vuota forma
che non sia errore, egoismo o distrazione
null’altro c’è da dire…e a lor signori
auguro di riuscire nella cerca d’un santo graal
d’un grande segreto…che sembra essere
per voi, così importante

Di Giandiego Marigo

Forse sto andando a cercarmi guai, ma devo dirlo, sono molto perplesso dall’invenzione di questa nuova definizione, dall’idea stessa di un Nuovo Soggetto Politico di Sinistra.
Per una serie di ragioni, che vanno dalla paternità dell’analisi che ne supporta la proposta, sino alla sua collocazione in quell’area geograficamente così imprecisa, arbitrariamente e logisticamente definita, appunto, sinistra.
Per non parlare del palese assist alla Sinistra Piddina e Sindacale ed a SeL, da sempre occupate nell’eterna ricerca di sé stesse .
La mia perplessità non deriva dal fatto che non esista l’esigenza di questo soggetto e di quest’area ma semmai dall’impressione e dalla convinzione che essa debba nascere da un profondo ripensamento, che questi intellettuali, pensatori d’aree, per altro attempati, riconosciuti, santificati nonchè protagonisti di ben più di una stagione di errori e fraintendimenti, non mi sembrano avere compiuto.
Il loro ragionamento è ancora tutto politichese, esterno ai motivi profondi, pochissimo spirituale. Una ulteriore applicazione di un metodo fallimentare già per altro adoperato da loro stessi, per altro, con il Pd e l’epoca del sogno riformista. Molti di loro erano presenti nei salotti del bel pensiero liberal-democratico sin dai tempi di Uolter l’Africano.
E’ strano constatare come oscillino, fra una riedizione di un neo-liberalismo illuminato ed una nostalgia ricorrente ed incombente d’una sinistra storica in salsa marxiana.
Le parole sono sempre le medesime e le argute analisi pure così come l’economicismo dal quale mai si è riusciti a liberarsi.
Tutta l’esperienza dei movimenti, dei referendum che ci hanno dimostrato sin troppo chiaramente come, ormai, la questione non sia sugli schieramenti o su una collocazione più meno sinistorsa, come non ci siano più bandiere da raccogliere e slogan da riproporre, ma semmai contenuti e linguaggi da inventare…bhe viene omessa o ri-filtrata da una presunta appartenenza d’area a quella stessa sinistra che per anni innumerevoli non l’ha affatto compresa.
Appare come un tentativo di ricondurre all’ovile le pecore scappate…prendendo anche quelle che non sono mai appartenute quel pastore. Una riproposizione, per altro ennesima, di ottime intenzioni, una vaga promessa di fare muro contro la devastazione. Il tutto appoggiando il cappello su di un’area che si capisce pochissimo.
Mi perdonino gli amici del manifesto, gli intellettuali conseguenti ed i sindacalisti a tempo pieno che inseme loro si sono inventati il nuovo polo…il nuovo soggetto politico, bypassando la democrazia diretta e riproponendo un nuovo rapporto di delega…però garantito…davvero mi scusino se non mi fido.
Ho visto questa tendenza ad appoggiar cappelli troppe volte nella mia vita.
Li vorrei richiamare ad una frase di Terzani che diceva che la prossima rivoluzione sarebbe stata senza alcun dubbio spirituale o ad una di Gandhi che invitava ad essere il cambiamento che si voleva attuare.
Io non lo vedo proprio questo nel nuovo polo, il nuovo soggetto mi appare come una pia esigenza, proposta da persone assolutamente dedite, nelle loro pratiche, all’adorazione del Mostro Pragma. Personaggi che ragionano ancora a compartimenti stagni, separando la propria spiritualità (di cui non si parla) dalla pratica quotidiana della democrazia e che, soprattutto non hanno fatto, in alcun modo, i conti con sé stessi. Un gruppo di persone che si affida ancora alle argute analisi di un cerchio ristretto di avanguardie intellettuali di buona volontà e di ottime intenzioni (come garantite?) per descrivere una realtà che vorrebbero ricondurre ancora e sempre ad un simbolo elettorale. Il loro!

Questo non è di per sé una cosa terribile, anzi, ma non rappresenta il nuovo soprattutto sembra non voler ascoltare, se non strumentalmente, il diffuso desiderio di democrazia diretta e di controllo democratico dal basso , riproponendo la politica nel suo stile più tradizionale.

La smetto qui, conscio d’essermi andato a cercare mille complicazioni fra i miei amici, che nella stragrande maggioranza hanno riposto la loro speranza, sempre in cerca di un luogo dove appoggiasi e prosperare, in questa nuova alba…che a me appare un poco crepuscolare.
Mi perdoneranno ma io oggi credo che il nuovo debba essere nuovo davvero, e ripongo questa speranza nei movimenti e nella loro naturale evoluzione e non nell’astuzia di un gruppo di attempati politici a fine carriera, che sono maestri nell’adoperare le prole
Credo che essi, i movimenti, sapranno inventarsi da soli e mutuo, in questo senso, una frase di Grillo come citazione. Grande Vecchio ed ispiratore di un movimento che pur con tutti suoi limiti e difetti…questa strada, intuita dai nostri super-intellettuali, la pratica da tempo, quando dice che M5S non sta né a destra né a sinistra, ma sopra. Il che è esattamente quello che si deve avere il coraggio di fare senza nostalgie e richiami, senza bandiere risollevate e ridipinte, senza rintanarsi nel ricordo di una rivoluzione interrotta, di una cultura svenduta e nell’assenza dalla descrizione di una spiritualità, presente, ma mai discussa.
Sicuramente i movimenti, anche il suo stesso, sapranno andare sopra anche a lui e meno male, ma lo faranno senza dividersi in tifoserie avverse, ma scoprendo la strada dei contenuti e dei significati e, fra i più importanti quello delle parole Civiltà e Progresso. Senza rinunciare a partire da sè, dagli individui che li compongono…che finalmente verificheranno nei propri comportamenti, nelle pratiche quotidiane e nelle proprie relazioni quel che dicono a parole.
Realizzando senza nemmeno bisogno di profeti e di teorici la semplicissima relazione tutta spirituale e profonda d’essere davvero il cambiamento anziché parlarne e descriverlo in continuazione.

Di Marigo Giandiego

E’ notizia ormai quotidiana, la disperazione con la conseguente esplosione di paura e follia che viene seguita dal suicido. Un assurdo, disumano centellinare, un ricorrere di gesti ultimativi.

E’ strano come quando le eterne Cassandre li prevedevano venissero accusate d’ogni nefandezza, dal disfattismo al terrorismo ideologico…eppure questi suicidi sono la logica ed ovvia conseguenza di una serie di comportamenti tesi a provocarli. Non gesti estremi, di persone deboli ed incoscienti dunque, ma una condizione oggettiva atta a crearne le premesse.

Riporterò qui sotto alcune citazioni estrapolate dalla rete.

“Alla presente vasta sovrappopolazione, attualmente ben al di sopra della capacità portante della Terra, non si potrà rispondere con riduzioni del tasso di nascita attraverso contraccezione, sterilizzazione ed aborto, ma solo con la riduzione del numero di persone attualmente viventi. Questo dovrà essere fatto con qualunque mezzo”

Initiativa delle Nazioni Unite ECO-92-list 2008 EARTH CHARTER Leggi il seguito di questo post »

Cercando dignità,

abbarbicati al tempo

ed elemosinando un giorno

alla speranza

strade e vicoli

da cui non c’è ritorno

son senza uscita

forse sbagliato certo

però quella paura

chiude gli occhi

ferma il cuore

sospende il tuo respiro

e vedi solo buio, solo disperazione

solitudine poi anche il silenzio

solo parole nulle… fatte di circostanza

che tu ti senti attorno

quelle  non fanno vita

ma disperatamente…vuoto

interrotta la collana del tuo tempo

dispersi i grani al tuo rosario

persa la strada al pane

e poi non ti capiscono

eppur giudicheranno

ti insegneran morale

da case calde e tavole imbandite

Loro! Con tutti i loro giorni

legati alla certezza

Loro con sicurezza

di una nuova alba, del giorno dopo

loro che non lo sanno

che poi non proveranno che vuol dire

guardare i figli tuoi e non sapere

cosa sarà domani…

molti descriveranno,

racconteranno, molti ne parleranno

però da lì al capire

ci sarà sempre il mare

del tuo dolore…della tua solitudine

dopo ricorderanno, e parleranno

ma sarà sempre dopo…

tutto inutile

saggezza d’uomini…

retorica imbecille

Free Image Hosting at www.ImageShack.us
"CONTRO IL GOVERNO
DELLA VERGOGNA,
per il rilancio
della sovranità popolare"
su Facebook

Licenza Creative Commons
Voce d'anima by giandiego marigo is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License.
Based on a work at giandiego.wordpress.com.
Permissions beyond the scope of this license may be available at https://giandiego.wordpress.com/.

Post più letti

paperblog